Commenti Storia - Home page
Storia
lo sport e la compagnia
The_Commander 16 Set 2010 18:19
La credibilità di una manifestazione sportiva è importante, perderla. e poi
ritrovarla da luogo ad un altro sport: scendere un gradino è facile,
risalirlo molto difficile, specialmente se si rischia di ruzzolare...
Le giornate scorrono nell'immergersi nella sportività, a volte bisogna
correre un pò, prima bisogna tamponare i luoghi dei lividi e poi rammendare
con infinita pazuenza i luoghi dove s'è prodotta lacerazione. La storia è la
storia, ogni sport ha una sua ragion d'essere e la molteplicità delle realtà
che compongono la realtà italiana fanno pensare ad un fiume dove giungono
gli affluenti che poi giungono al mare, il nostro azzurro mare dove in una
maglia una barchetta tricolore naviga.
Bisogna togliersi la divisa, non si può dire come ai vecchi tempi: la
discussione è vivida, interessante, stimolante; bei tempi quando c'era
qualcun altro a far ste cose, si fa sera presto mentre si nuota nel pensiero
collettivo, non ce se accorge, i lividi cominciano ad ingiallire e
lentamente con decisione si sente tutta l'onestà dello stare insieme. C'è
anche il tempo di mangiare qualcosa, non gli avanzi di un pasto che rischia
di viziare quello successivo, quegli avanzi da cui sai che si nutrono e si
sono nutriti da sempre altri, e, per regola del galateo italiano: non si
mangia mai e poi mai nel piatto dove hanno già mangiato gli altri.

Yu frittata con cipolle



Visualizza messaggio singolo