Commenti Storia - Home page
Storia
Jinn 04 Ott 2010 12:01
Bibbia e scoperte archeologiche dissacranti

"Artamano" <artamano88@katamail.com> ha scritto nel messaggio
news:990qo.213966$9f6.460011@twister1.libero.it...
>
>
>
>
> http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=27838&Itemid=142 >
>
> La Bibbia non è storia: che fare?
> Maurizio Blondet 01 Ottobre 2010
>
>
> Fu dunque un vento a 100 chilometri l'ora ad aprire il Mar Rosso davanti a
> Mosè e agli ebrei in esodo dall'Egitto? Lo dice lo scienziato Drews
> ritenuto
> buono da Stefano Maria Chiari. ,,,,,,,,,,,,
è generalmente accettato che l'Esodo, se veramente fu un fatto storico, il
popolo ebreo non attraversò il mar rosso ma il 'mare di canne' come
riportato nella versione ebrea , cioè attraverso una palude che separava il
Sinai dal delta
,,,,,,,,,
>
> Se dunque l'archeologia smentisce questa pretesa storicità - non ci fu
> conquista armata di Canaan, le 11 tribù di Israele del Nord non furono mai
> unificate da re David col piccolo regno di Giuda al Sud, del granso
> tempio di Salomone e della sua fastosa reggia non si trova la minima
> traccia
> materiale, la Bibbia stessa si comprova un testo di propaganda
> rimaneggiato
> per secoli, ben oltre l'era cristiana - da cristiano vedo in questo una
> suprema ironia della Provvidenza. Proprio adesso che la Torah serve a
> legittimare, anzi a sacralizzare un potere politico malvagio e omicida,
> proprio in questo momento storico riceve la sua smentita più clamorosa; e
> da
> archeologi israeliani che, ormai padroni del territorio, hanno potuto fare
> scavi e prospezioni in ogni metro della terra santa, ottenendo smentite
> sempre più precise e circostanziate.
>
prove archeologiche non ve ne sono, daltronde cosa poteva rimanere di questo
antica storia: il tempio e l'arca, come descritti nella bibbia, erano fatto
in legno e le città erano fatte con mattoni di fango, però il racconto resta
attendibile. Questo negazionismo della vera esistenza di Mosè è dovuto al
fatto che sionismo e fede ebraica non vanno daccordo